Google Android Auto e Apple CarPlay puntano all’integrazione totale dei dispositivi con la vostra auto.

Grazie alla maxi alleanza tra più di 40 marchi denominata Open Automotive Alliance, l’azienda californiana monopolizza il mercato delle auto e del Car Entertainment. Il nome della rivoluzione è Android Auto ed è destinato a fare discutere e a cambiare le nostre vite.

Priorità assoluta è la sicurezza sulla strada! Se è vero che ogni possessore di cellulare lo consulta più di 150 volte al giorno, la possibilità di consultarlo senza distrarsi contribuisce a mantenere le strade più sicure anche per chi il cellulare non lo usa. Se a questa malsana abitudine uniamo anche gli appassionati del navigatore (che lo usano anche per recarsi a casa dal lavoro) allora le possibilità di distrazione diventano davvero minime perché Android Auto è completamente Voice Controlled.

Dobbiamo imparare a convivere con questa rivoluzione che, lo vogliamo o no, andrà a imporre la sua presenza nella nostra auto perché i maggiori marchi di auto l’hanno già scelta per gestire in toto le nostre autovetture attraverso questa alleanza. La Open Automotive Alliance è una realtà che coinvolge decine di brand come Abarth, Alfa Romeo, Acura, Audi, Bentley, Chevrolet, Chrysler, Dodge, Fiat, Ford, Honda, Hyunday, Infiniti, Jeep, Kia, Maserati, Mazda, Mitsubishi Motors, Nissan, Opel, RAM, Renault, Seat, Škoda, Subaru, Suzuki, Volkswagen e Volvo.

La guerra tra CarPlay e Android Auto sembra al momento avere un primo vincitore per una serie di ragioni che sembrano insignificanti ma potranno incidere sulle sorti di tutti i competitor sul mercato. Anche MirrorLink di Nokia sembra non tenere il passo con il nuovo prodotto di Google.

  • Primo motivo: L’alleanza con i maggiori brand automobilistici sembra non dare fiato a Apple che non riuscirebbe a collocarsi neanche sul mercato lusso data la presenza di diversi marchi che hanno stretto l’accordo OAA.
  • Secondo motivo: notoriamente Android Auto è Open e rende più semplice la diffusione e la personalizzazione.
  • Terzo motivo: come già succede per gli altri comparti hi-tech, Android sembra non perdere colpi contro i rivali.
  • Quarto motivo: Apple già oggi assicura la compatibilità di CarPlay ai soli iPhone 5, 5S e 5C e l’idea di dover cambiare telefono o auto per mantenere tale compatibilità potrebbe scoraggiare anche i più affezionati fan.
  • Quinto motivo: Android Auto consente a chiunque e con qualunque telefono android di registrarsi alla propria o altrui auto. Cosa che consente una grande libertà di scelta.

 

Clicca per votare l'articolo.
[Totale: 0 Media: 0]