Oggi assistiamo a una vera rivoluzione nell’Automotive Infotainment. È arrivato Android Auto, un nuovo modo di ascoltare musica, telefonare, scaricare dati dalla rete, ottenere indicazioni sulla strada e le condizioni meteo mentre si guida.

Il mondo dell’automotive Infotainment ha attraversato numerose fasi di sviluppo da ingombranti lettori di nastri a i più avanzati lettori CD. Ci siamo abituati a evitare le buche non tanto per i possibili danni alle sospensioni ma per ascoltare il nostro CD preferito senza interruzioni. Poi con l’avvento dei lettori MP3 e di ogni sorta di lettore il collegamento dei nostri accessori per l’ascolto della musica si è scontrato con la carenza di porte sul nostro car stereo.

La sola introduzione di un mini-jack ci sembrava un miraggio! Potevamo collegare il nostro iPhone o il nostro iPod alla “radio” della macchina! Il Jack è stato nel suo piccolo veramente rivoluzionario perché ha segnato il trait d’union tra i sistema di intrattenimento in auto e quello in movimento. Potremmo veramente definirla la rivoluzione di Jack che poi è diventato un Bluetooth, ma la sostanza non cambia. L’idea ha cambiato l’intero modo di concepire il modo di stare in auto.

Oggi assistiamo a una rivoluzione vera come quella del Jack, è arrivato un nuovo modo di ascoltare musica, telefonare, scaricare dati dalla rete, ottenere indicazioni sulla strada e le condizioni meteo mentre si guida. Insomma, l’auto è diventata un vero centro elaborazione dati finanche più confortevole del salotto di casa nostra.

Il nome di questa rivoluzione è Android Auto.

Ancora non si conoscono le potenzialità e le possibili applicazioni di Android Auto ma già il solo fatto che  più di 40 marchi di portata mondiale abbiano scommesso su questa novità lascia intendere che qualcuno ha già in mente un futuro che non immaginiamo nemmeno.

 

Certo, ogni cosa ha il suo lato negativo. Tutti noi dovremo dotarci di un dispositivo Android per poter dialogare con la nostra automobile a discapito di tutti gli altri sistemi. CarPlay di Apple cerca di tenere il passo con questa rivoluzione che rischia di travolgere la casa di Cupertino ma il suo approccio appare per ora modesto. Ma la gara non è neanche cominciata e con molta probabilità si giocherà sulle strade di tutto il modo.

Clicca per votare l'articolo.
[Totale: 0 Media: 0]